Raccolte

In questa sezione voglio raccogliere e condividere articoli, letture e altre cose interessanti.

Data
16 settembre 2021
Articolo
Il nuovo patto militare anti-Cina
Il Post
Link

Articolo
Il pivot di Ursula
Il Foglio, pag 1-4
Autore
David Carretta

La situazione di grave emergenza e insicurezza che si è creata in Afghanistan a seguito della decisione del governo statunitense sul definitivo ritiro del proprio contingente militare, presente lì da quasi due decenni, ha giustamente monopolizzato l’attenzione dei media per settimane.
La concreta minaccia che il ritorno al potere degli estremisti islamici talebani rappresenta per la vita di centinaia di migliaia di afgani e per la libertà e la dignità delle donne afgane è una preoccupazione concreta; tanto più dolorosa in quanto il nostro ruolo è quello di spettatori impotenti.

Al di là delle scontate, innegabili certo, ma forse fuorvianti similitudini col Vietnam, l’attenzione a mio avviso dovrebbe concentrarsi su un livello superiore.
Ho scelto due articoli, in apparenza diversi tra loro, che credo possano essere buone indicazioni su ciò che sta accadendo.

Nel primo articolo – sullo stesso argomento hanno scritto quasi tutti i giornali, ho scelto il Post perchè è aperto – si descrive il primo vero intervento di politica estera del Presidente degli Stati Uniti, Biden, dopo settimane di sofferti discorsi di circostanza sulla situazione afgana.
Il secondo articolo riporta invece un passaggio importante dell’annuale discorso sullo stato dell’Unione tenuto dal Presidente della Commissione Europea Von Der Leyen: più che un atteso intervento sulla situazione della pandemia e sulla ripresa, è stato una dichiarazione strategica.

Mi sono convinto di una cosa: quello che è successo in Afghanistan deve necessariamente essere contestualizzato in un generale nuovo posizionamento strategico dell’Occidente. L’abbandono di Kabul è il segno definitivo della fine di 20 anni di guerra al terrorismo, priorità strategica occidentale degli ultimi due decenni, in favore di una nuova urgenza: la Cina.


Data
16 marzo 2021
Articolo
Nello zaino di Letta
La Repubblica, pag. 28
Autore
Marco Bentivogli

Va superato il revival ideologico che ultimamente fa da copertura al vuoto valoriale e strategico, che mette in luce un sonnambulismo da cui ci si sveglia con lo scolapasta in testa gridando stupidaggini contro i “neoliberali”.
Questo e altri passaggi essenziali: Bentivogli ha in mente un PD moderno, proiettato senza paura verso il futuro, che affronta la realtà in modo lucido e razionale abbandonando l’involuzione ideologica che lo ha caratterizzato negli ultimi anni.
Una sfida quasi impossibile: per questo motivo la posizione di Bentivogli è così preziosa.


Data
14 marzo 2021
Articolo
Superare la casta. Ecco sei proposte
Corriere della Sera, La Lettura, pag. 46
Autore
Sabino Cassese

Cassese non usa il termine “casta” con l’accezione vuota ormai predominante, determinata dal populismo: lo usa per designare la classe dirigente italiana nella sua tragica inadeguatezza e arretratezza.
Tra l’altro mi colpisce uno studio di cui Cassese anticipa i risultati: negli anni del populismo, dell’uno vale uno, della scatola di tonno da aprire, della società civile, ecc.. la classe dirigente italiana si va assottigliando di decennio in decennio, rappresentando oggi solo l’1% della popolazione e caratterizzandosi come composta principalmente da uomini anziani con basso tasso di scolarizzazione.


Data
15 marzo 2021
Articolo
Altro che unanimità nella sinistra. Viva le correnti!
Il Foglio, inserto, pag. 4
Autore
Francesco Cundari

“Non sono le divisioni che fanno perdere, sono le sconfitte che dividono. Il punto decisivo è sempre su che cosa ci si divide” e ancora “L’unanimismo costruito sopra castelli di ipocrisie, retropensieri e secondi fini non ha mai portato fortuna, tanto meno ai leader che se ne sono fatti promotori”.
Piccolo vademecum contro i principali luoghi comuni sulla sinistra italiana.


Data
2 marzo 2021
Articolo
L’UE non ha fallito
Il Foglio, pag. 5
Autore
David Carretta

Produzione, distribuzione e somministrazione dei vaccini sono diventati argomenti quotidiani. Come avviene ormai da un anno con ogni aspetto della pandemia, la materia, già di per se complicata, viene resa incomprensibile da un’informazione inesatta, disattenta, incapace, provocatrice.
In questo articolo Carretta cerca di inquadrare meglio il ruolo dell’Unione nella strategia di vaccinazioni.


Data
22 gennaio 2021
Articolo
Eccoli i vent’anni di Putin
Il Foglio, inserto, pag. 3
Autore
Anna Zafesova
Link

Impietoso bilancio dei vent’anni di potere autocratico di Putin. Gran visir di tutti gli annoiati cialtroni occidentali che in lui vedono un duro: solutore di ogni problema in modo spiccio ed efficace, capace di non farsi invischiare nelle paludose e inutili regole del mondo liberale e democratico.
Alla fine, dietro il grande manovratore, c’è solo un narciso circondato da leccaculo incapaci.

“Un’élite di peracottari, molti dei quali possono giustificare il bassissimo livello di competenza politica ed economica soltanto con il loro background di portaborse e bodyguard in un sistema già non governato da geni come l’Urss dei tempi di Brezhnev”.


Data
4 gennaio 2021
Articolo
Lasciamo spazio ai costruttori
La Repubblica, pag. 27
Autore
Marco Bentivogli
Link

Bentivogli tira le fila della situazione attuale, dando seguito a quanto sostenuto del Presidente della Repubblica Mattarella nel messaggio rivolto ai cittadini la sera di Capodanno, circa la necessità di istituzioni capaci di affrontare la durissima sfida attuale. Questo governo non è in grado di farlo, ha dimostrato in ogni circostanza la sua incapacità di gestione, e tale incapacità ha avuto conseguenze pesantissime sul Paese.


Data
4 gennaio 2021
Articolo
Nostalgie pubbliche
Corriere della Sera, pag. 1-12
Autore
Federico Fubini
Link

In questo articolo Fubini delinea un parallelismo tra la stagione di rilancio economico del secondo dopoguerra e la stagione di rilancio che si spera abbia inizio con l’atteso “dopopandemia” (termine mio ovviamente, non di Fubini). L’autore spiega come lo statalismo che negli anni ’50 e ’60 del secolo scorso riuscì in qualche modo a gestire lo sviluppo di quella società profondamente arretrata, oggi non potrà in alcun modo ottenere gli stessi risultati.
Riflessione importante, e ben argomentata, in un momento in cui una grande parte del Paese è invece convinta che lo statalismo ci salverà (non si sa come…).


Data
7 dicembre 2020
Articolo
La vergogna dei sovranisti che chiudono gli occhi sugli orrori di Ungheria e Polonia
Autore
Claudio Cerasa
Link

In questo articolo il direttore del Foglio riallaccia i fili sui principali motivi per cui Ungheria e Polonia vengono accusate della violazione dei princìpi basilari dello stato di diritto all’interno del quadro giuridico dell’Unione Europea.


Data
1 dicembre 2020
Articolo
Recovery, basta task force il governo pensi alle riforme
Il Mattino, pag. 7, intervista di N. Santonastaso
Autore
Sabino Cassese

Sugli ultimi sviluppi legati al Recovery Fund ci sono davvero moltissimi articoli interessanti. Su tutti ne scelgo uno in particolare: è l’opinione di Sabino Cassese che – come avviene sempre – è lucido, preciso e tagliente.
Il nostro Paese sta gestendo malissimo un passaggio di estrema importanza e sembra che, con questi responsabili al timone, non ci sia davvero possibilità di correggere la traiettoria distruttiva.


Data
9 novembre 2020
Discorso
The State We’re In
Middle Temple’s Treasurer’s Lecture
Autore
John Major
Link al video
Link alla trascrizione

Questo discorso di John Major, Primo Ministro del Regno Unito dal 1990 al 1997, è da ascoltare dalla prima all’ultima parola: la descrizione della situazione in cui versa il suo Paese è precisa e rigorosa.
Major prende in esame temi di grande attualità come populismo, pandemia e brexit, ma il filo conduttore del discorso è uno solo: la politica deve saper intercettare e affrontare i grandi cambiamenti, avendo piena consapevolezza della realtà. Per questo è un messaggio che varca i confini britannici.


Data
28 ottobre 2020
Video
Tito Boeri – Mercato del lavoro e ruolo dello stato ai tempi del covid
YouTube, canale LiberiOltre
Autori
Francesco Filippucci
Marco Palladino
Tito Boeri
Link

Francesco Filippucci e Marco Palladino discutono insieme a Tito Boeri delle soluzioni messe in campo dal governo italiano per affrontare le ripercussioni causate della pandemia sul sistema economico.
In particolare analizzano gli aspetti legati al mondo del lavoro.
Il sistema italiano, tradizionalmente lento nell’accettare i cambiamenti e a riposizionarsi di conseguenza, è ora costretto a rinnovarsi per sopravvivere.


Data
25 ottobre 2020
Articolo
Il populismo che verrà
L’Espresso, pag. 40
Autore
Marco Follini

Interessante opinione di Marco Follini che riflette sulla natura del populismo, sulle sue origini e il suo successo.
Il populismo è un cialtrone che va preso sul serio, perchè può fare danni.


Data
22 ottobre 2020
Articoli
“Anziché decidere il governo negozia ma alla sanità serve coordinamento”
Il Messaggero, pag. 2, intervista di Mario Ajello

Un sistema troppo debole in cattivo stato di salute
Corriere della Sera, pag. 30

La quarantena del potere
la Repubblica, pag. 32
Autori
Sabino Cassese
Michele Ainis

Ho “unito” questi tre interventi – i primi due di Cassese, il terzo di Ainis – perchè trovo un filo comune.
Entrambi gli autori affrontano il tema del caos nella gestione della pandemia e tutti e due ne identificano le cause nell’incapacità di programmare e progettare.
Lo fanno concentrando l’attenzione su aspetti diversi: Cassese sul governo che ha come unico obiettivo impedire la formazione di un altro esecutivo (“non è un governo precario, è la precarietà al governo”); Ainis sul Parlamento incapace di modificare le proprie attività per rispondere in modo flessibile e adeguato ad una situazione grave e instabile.


Data
21 ottobre 2020
Articolo
Il MES e (è?) la scialuppa del Titanic
dal blog http://www.massimofamularo.wordpress.com
Autore
Massimo Famularo
Link

In questo articolo Massimo Famularo spiega che tutte le polemiche sul MES sono inutili, pretestuose, sterili e controproducenti. Lo fa con competenza, utilizzando però un linguaggio accessibile.
L’ho trovato molto efficace.


Data
19 ottobre 2020
Articolo
Sette nuove domande alla ministra Dadone
editoriale telegrafico per la Newsletter n. 530, 19 ottobre 2020; dal sito http://www.pietroichino.it
Autore
Pietro Ichino
Link

Ichino affronta alcune delle questioni più complesse del dibattito pubblico italiano – come mercato del lavoro, disoccupazione, sindacati, pubblica amministrazione – con lucidità, rigore e competenza.
E’ purtroppo un caso raro.
In questo articolo porta avanti le sue riflessioni sullo smart working nella PA.


Data
16 ottobre 2020
Articolo
Il nostro posto in occidente
la Repubblica, pag. 32
Autore
Lucio Caracciolo

Lucio Caracciolo, fondatore e direttore della rivista di geopolitica Limes, in questo articolo cerca di puntare l’attenzione sul ruolo del nostro Paese a livello internazionale. La geopolitica è un aspetto esemplare di una dinamica negativa che affligge la società italiana: il divario tra situazione reale e quanto invece viene percepito. Siamo purtroppo abituati a guardare questo tema attraverso gli schemi mentali del ‘900, finendo inesorabilmente per allontanarci dalla realtà. Chi non ha contatto con la realtà non può interpretare i dati, non può inquadrare i problemi, non può ragionare su possibili visioni del futuro e, in definitiva, è destinato a schiantarsi.


Data
16 ottobre 2020
Articolo
Chiudere le scuole è utile a contrastare la diffusione della covid19?
post su Facebook
Autore
Fabio Sabatini
Link

Fabio Sabatini, professore di materie economiche alla Sapienza, fin dall’inizio della pandemia ha condiviso diverse riflessioni sul modo di gestire l’emergenza sanitaria. I suoi contributi sono spesso basati su studi scientifici.
In questa occasione offre un punto di vista molto interessante, e qualificato, sul legame tra apertura delle scuole e diffusione del coronavirus.


Data
16 ottobre 2020
Articolo
Chi vaccinare per primo?
Il Foglio, pag. 7
Autore
David Carretta

Sembrerebbe che l’unico aspetto a generare interessare negli italiani sia la sua funzione di bancomat (MES, Next Generetion EU, SURE), ma l’Unione Europea si muove ovviamente anche in molti altri ambiti. In questo articolo si punta l’attenzione sui vaccini: in particolare sull’acquisto diretto di ingenti quantità di dosi e sulle raccomandazioni che la Commissione sta rivolgendo agli Stati membri per quanto riguarda l’organizzazione di quella che, si spera, sarà un’imminente campagna vaccinale a tappeto.


Data
16 ottobre 2020
Articolo
Gli obblighi della nuova vita sociale
La Stampa, pag. 21
Autore
Paola Severino

L’ho trovato un intervento interessante: la giurista Paola Severino si concentra sul concetto di responsabilità dei cittadini, nello specifico in quello di auto limitazione. L’emergenza sanitaria si affronta anche con comportamenti individuali realisticamente non sanzionabili (chi mai potrà controllare il numero di invitati nelle feste private?). Questo ovviamente non minimizza le responsabilità del governo per scaricarle sui cittadini, ma fa ragionare sulla complessità della situazione.


Data
14 ottobre 2020
Articolo
Operazione Quantum
la Repubblica, pag. 24
Autori
Marco Bentivogli
Federico Ronchetti
Link

Bellissimo articolo in cui Marco Bentivogli e Federico Ronchetti offrono una visione costruttiva e incoraggiante per il futuro.
L’innovazione e la ricerca, lo sviluppo scientifico e tecnologico, sono la vera strada da seguire per poter migliorare la qualità della vita.
La barriera culturale che considera negativa e dannosa ogni forma di progresso deve essere abbattuta.


Data
14 ottobre 2020
Articolo
Le conseguenze della crisi Libica, lo scontro tra le potenze e il ruolo futuro dell’Europa
il Dubbio, pag. 15
Autore
Ciro Sbailò
Link

Un’analisi sulla crisi libica che sottolinea un aspetto molto importante: quando le democrazie occidentali – per disinteresse, mancanza di lungimiranza, cinismo, calcolo politico o per semplice incapacità – abbandonano le zone più instabili del pianeta, lì lo spazio vuoto non viene occupato dal popolo in riunione pacifica, ma dal più forte: le potenze illiberali, autoritarie, non democratiche.
Rischiamo di pagare caro questo ripiegamento su noi stessi.


Data
14 ottobre 2020
Podcast
Polvere
Autore
Chiara Lalli
Cecilia Sala
Link

Un racconto inquietante su un fatto di cronaca degli anni ’90, il “delitto della Sapienza”. Avevo tanti ricordi di questo caso mediatico avvenuto quando ero un ragazzino, ma conoscevo nomi e circostanze per sentito dire.
Questo podcast ricostruisce gli eventi tragici del caso giudiziario: la giustizia cieca e inadeguata, la caccia alle streghe di un popolo costantemente sull’orlo dell’isteria di massa, il circo mediatico sempre pronto a dare il peggio di sé.
Una brutta storia italiana.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: